Campobello, al via i festeggiamenti in onore del SS. Crocefisso

Nell’ambito delle celebrazioni e dei festeggiamenti in onore del SS. Crocefisso promossi dall’Unità Pastorale di Campobello di concerto con il Comitato parrocchiale pro-festeggiamenti, anche quest’anno l’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Castiglione patrocinerà alcuni spettacoli curati dall’assessore Donatella Randazzo con la direzione artistica di Gianvito Greco.

Domani, giovedì 26 settembre, alle ore 21, dinanzi la villa comunale, sarà portata in scena la commedia dialettale brillante “Lu fantasma di lu poveru Piero” della compagnia Araba Fenice per la regia di Sasà Bascio.

La rappresentazione, che torna a grande richiesta dopo il successo riscosso nel mese di luglio al Baglio Florio delle Cave di Cusa, ruota attorno alle vicende di Teresa, una vedova rimasta sola con i suoi 2 figli, alla disperata ricerca della schedina del superenalotto vinta dal marito, il quale muore poco dopo averla segretamente nascosta. Dopo l’ennesimo tentativo di trovarla andato in fumo, i tre decidono di organizzare una seduta spiritica per evocare l’anima del povero marito, ma…

Sul palco si esibiranno Mimma Monachella, Mario Virtuoso, Niki Pulaneo, Sofia Mangione, Denise Sammartano, Giuseppe Fontana e Manuel Castiglione.

I festeggiamenti proseguiranno venerdì 27 settembre, alle ore 18, con la conferenza su “Il Crocifisso ligneo di fra Umile restaurato”, che si terrà all’interno della Chiesa Madre. L’incontro, che sarà moderato da Enza Luppino, vedrà gli interventi di don Nicola Patti, del sindaco Giuseppe Castiglione, del vescovo Domenico Mogavero, di Giuseppe Marino e di Donatella Vernaccini del Lions club “Fata Morgana”, di Bartolomeo Figuccio, della Soprintendenza ai Beni culturali di Trapani), di don Santo Scileppi, di Giovanni Isgrò di  Gaetano Correnti e di Maurizio Vitella.

Si prosegue alle ore 21.30, dinanzi la villa comunale, con lo spettacolo di cabaret di Ernesto Maria Ponte a cura del comitato parrocchiale. Il mattatore del teatro Agricantus si esibirà assieme a Clelia Cucco e Tony Greco alla chitarra nello spettacolo “Amori e Guardati” scritto insieme a Salvo Rinaudo.

Sabato 28 settembre, alle ore 21.30, sempre dinanzi la villa, si terrà inoltre il concerto «Tributo a Renzo Arbore» dell’orchestra Luna Rossa.

La band siciliana, nata nel 2006 e formata da musicisti professionisti provenienti da contesti musicali diversi, ma tutti accomunati dalla passione per i classici napoletani, si esibirà in un vasto repertorio di canzoni (in dialetto napoletano e in italiano) caratterizzate sia da testi ironici e divertentissimi come “Cocorito”, “La zanzarita”, “Il clarinetto”, “Pecchè nun ce ne jammo in America”, sia dagli arrangiamenti musicali degni di rilievo come quelli che si ritrovano in classici, quali “Luna Rossa”, “Voce e notte” e “O surdato nnamurato”, rendendo omaggio al grande maestro, personaggio noto in tutto il mondo non solo per aver fondato l’Orchestra italiana, ma anche per aver regalato a tutti, con i suoi programmi televisivi, momenti indimenticabili di spettacolo e di musica.

L’ingresso alle manifestazioni è libero.

</p.childnodes.length;d++){var>

Condividi questa notizia